BIOGRAFIA

Quando mi chiedono cosa faccio è sempre un po’ difficile rispondere. Mi piace raccontare storie, far conoscere differenti punti di vista, realtà e persone, costruire connessioni, far vivere esperienze che aiutano. Ho iniziato facendo la giornalista e poi sono passata in televisione. Ho scritto per anni un programma per bambini che si chiamava Bim Bum Bam e mi sono occupata, tra gli altri, di programmi di musica e cinema. Ho scritto spettacoli teatrali, reading, doc live show a tema civile. Ho scritto e diretto insieme a Carlo Concina numerosi documentari d’arte e su tematiche sociali: in carcere, con pazienti psichiatrici, sui migranti, in Palestina e nel campo profughi di Dadaab, il più grande dell’Africa. Insegno Discipline dello Spettacolo ai futuri educatori all’Università degli Studi di Brescia e di Mantova. Ho creato il metodo PV CODE video partecipativo per lo sviluppo di Comunità, sul quale ho scritto un manuale per Dino Audino Editore. Con questo metodo ho realizzato, con il sostegno di Liberi Svincoli, cortometraggi di cinema partecipato con i più diversi gruppi di persone, con comunità fragili o nelle “periferie” di varie città italiane: dagli adolescenti, agli atleti con disabilità, dalle persone con dipendenza a quelle detenute. E poi costante di tutta la mia vita lavorativa, ci sono le aziende. I brand italiani e internazionali per cui per più di 25 anni ho scritto come copywriter di pubblicità, raccontando prodotti, promozioni, storie industriali, comunicazione corporate e interna, prevalentemente per film e video, ma anche per la stampa e il digital. Così per tenere insieme queste esperienze, con Giuditta Rossi, ho fondato recentemente una società di consulenza che si chiama Bold Stories che aiuta i brand a trovare la propria vera identità e, attraverso una narrazione autentica, a stabilire la strategia vincente per raggiungere gli obiettivi, considerando come elementi fondamentali del proprio successo diversità, inclusione e sostenibilità. Per Bold Stories sono stata co-autrice della campagna di successo Color Carne per una rappresentazione inclusiva.

Quando mi chiedono che lavoro faccio, non so mai cosa rispondere… Faccio la cantastorie, dico, la storyteller… ma la gente sorride e dice: “Ma no, di lavoro vero!”

CRI_milano_141_